Recosol

Rete dei Comuni Solidali Comuni della Terra per il Mondo

La Rete dei Comuni solidali, Comuni della Terra per il Mondo, un progetto nato per volontà di alcuni amministratori piemontesi, sta trovando consensi e adesioni fra i Comuni di tutta Italia. 
La Rete parte da Carmagnola, Bra, Carignano, Moretta, comuni di tradizione contadina dove la terra ha risposto positivamente e determinato l’economia.
In seguito ad alcuni viaggi “solidali” in America Latina, gli amministratori di Carmagnola e di altri piccoli Comuni capiscono che è giunto il tempo (in questo nuovo millennio), di “guardare” oltre i propri confini. Aiutando concretamente il Terzo Mondo, in effetti si aiutano le prossime generazioni (i nostri figli) a vivere in un mondo con meno differenze sociali ed economiche.


La Rete per dare gambe concrete a progetti di solidarietà internazionale. 
Un impegno teso a scavalcare lunghezze e burocrazie delle Organizzazioni Non Governative e mirare a progetti magari piccoli, ma di facile e veloce realizzazione.
I Comuni che hanno aderito alla Rete sono politicamente trasversali e puntano su obiettivi concreti e massima trasparenza.

Una associazione che coinvolga direttamente i Comuni “ricchi” con i Comuni “poveri”. 
Nasce l’esigenza di una cooperazione decentrata, che avvii il contatto diretto fra amministratori, tecnici, volontari, dei comuni “ricchi” con paesi e amministrazioni meno fortunate.

La Rete nasce anche per sfatare un altro luogo comune. 
Per promuovere cooperazione non occorre avere grandi cifre a disposizione ed uffici e personale a tempo pieno. 
Lavorando In Rete, è possibile superare piccoli problemi pratici e tecnici.

I presupposti della Rete sono semplici: il Comune, in qualunque paese del nord e sud del mondo, rimane punto fondamentale per mettere basi alla democrazia. Per il cittadino il suo Comune rappresenta un posto di transito obbligato sia per reperire qualunque tipo di informazione inerenti il rapporto con la pubblica amministrazione e sia per tutto quanto concerne la vita di tutti i giorni. Nelle realtà medie e piccole questo rapporto è ancora più radicato. 
Il Comune dunque può essere una cinghia di trasmissione efficace tra i cittadini per nuovi progetti.
L’amministrazione comunale non significa solo burocrazia, ma soprattutto impiego di energie, intelligenze, persone capaci di comunicare, progettare, amministrare: si possono mettere a disposizione queste esperienze.Occorre liberare i Comuni dalla vecchia concezione di luoghi adatti a svolgere semplicemente l’amministrazione ordinaria. 
Ovviamente questo comporta un cambiamento di rapporto che non è automatico. E’ necessario per l’ente un cambiamento di mentalità e di ruolo della pubblica amministrazione che deve allargare gli spazi d’orizzonte troppo spesso limitati ai problemi spiccioli della macchina burocratica e organizzativa del Comune.

Non solo asfalto, punti luce, fognature, ma anche la possibilità di guardare oltre i confini. 

I Comuni che hanno aderito alla Rete sono in gran parte medio piccoli, con bilanci ridotti e risorse minime. I comuni hanno capito che mettendosi in rete possono partecipare a progetti di cooperazione. Un esempio Per costruire un pozzo nel Sahel bastano 1000/1500 euro. Cinque, sei, comuni, con cifre facilmente sostenibili, possono partecipare. 

Ne è un esempio uno dei primi Comuni che ha aderito, il Comune di Sambuco, in provincia di Cuneo, con i suoi 89 abitanti.

La Rete dei Comuni Solidali: Comuni della Terra per il Mondo è stata fondata il 14 ottobre del 2003 a Pinerolo, alla presenza dei primi 100 comuni che hanno aderito.

L'articolo 5 dello Statuto precisa come l'adesione alla Rete "sia un obiettivo perseguito per migliorare lo scambio fra culture diverse. Gli aderenti alla Rete si impegnano a promuovere sul territorio manifestazioni che coinvolgano la popolazione in genere ed in particolare le scuole". 
Per i Comuni che vi aderiscono non è stato contemplato nessun tipo di obbligo, se non quello morale di promuovere solidarietà e sensibilizzazione sul territorio. Si confida infatti che stando in Rete l'esempio di molti comuni che da anni sono attivi con progetti di cooperazione, possa bastare per innescare il meccanismo di coinvolgimento. 

Anche la quota di adesione è stata deliberata con una cifra simbolica: 50 euro per i Comuni sotto i 5000 abitanti e 100 euro per i Comuni con più di 5000 abitanti e 300 euro per le Province. Per permettere ai comuni anche piccoli di aderire. 

Lo Statuto, inoltre, ha previsto la figura del Comune capofila, per decentrare l'organizzazione e renderla snella operativamente. I Comuni che si raggruppano possono sviluppare progetti ed iniziative di solidarietà in modo aggregato sotto l'egida di Recosol, pur mantenendo piena autonomia rispetto ai singoli progetti. 

I Comuni interessati a mettersi in contatto possono richiedere informazioni scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo., oppure telefonando ai numeri 011.9724245 o 0122.48934

Rete Comuni Solidali - Piazza Manzoni 10 - 10022 Carmagnola
Cassa di Risparmio Bra sede Carmagnaola
Iban - IT 29 X060 9530 2600 0007 0105 627

Ultima notizia

 

 IMG-20170320-WA0000

 


IMG-20170320-WA0001

 

 


 

Emergenza terremoto

 

italy-earthquake

 

Progetto "Tutti sotto coperta"

Scarica questo file (Tutti sotto coperta 1.pdf)  Tutti sotto coperta


 

libro

 

Un volume nato e sviluppato dalla riflessione condivisa di studiosi e operatori del mondo dei rifugiati affinché il 2017, nonostante il non brillante inizio, non sia ricordato, insieme al 2015 e al 2016, come uno degli anni in cui l'Unione Europea ha toccato i gradini più bassi dalla sua istituzione... Ricerca edita da Fondazione Migrantes (Organismo Pastorale della Cei) per ordinarlo scrivere qui <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.>

 

Ultima notizia

Notizie da Riace (RC)

 

 Tessitura 2

 

Un articolo di Nausicaa Pezzoni su Planum Publisher

“Spiaggia e mare liberi per chi entra e per chi arriva”: è il titolo del cartello che introduce alla spiaggia del paese; nelle righe che seguono, l'invito a preservare la costa dall'inquinamento e a prevedere interventi antropici che siano “compatibili con la naturalità e la bellezza dei luoghi attraverso una fruizione più responsabile possibile”. L'utilizzo sostenibile dei beni pubblici, che il medesimo cartello specifica essere patrimonio di tutti, è richiesto come contributo e al contempo offerto come libera fruizione “per chi entra e per chi arriva”

Vedi PDF

Scarica questo file (Riace articolo nausina pezzoni.pdf) Nausina Pezzoni

 


 

Video Riace abre la puerta:

 
LIBRI SU RIACE:
 
 
 

ISA-Riace-10H0282

 

VUOI CONTRIBUIRE ALLE INIZIATIVE DI RECOSOL?

 Versa il tuo contributo su CR Bra sede Carmagnola  

IBAN: IT29X0609530260000070105627



- Se vuoi detrarre fiscalmente il tuo contributo utilizza il seguente IBAN:
IT43Z0897643530000000003246

Anthropos Onlus


- Compila questo modulo per dirci a quale progetto vuoi destinare il tuo versamento e mandalo a :


coordinamento@comunisolidali.org


- Se vuoi destinarci il 5 per mille riporta nella tua dichiarazione dei redditi il Codice Fiscale di Anthropos Onlus :
95003490828
Sottoscrivere il 5 per mille non aumenta le tasse, ma permette di destinarne una parte a chi decide il contribuente

* RECOSOL e Anthropos Onlus di Polizzi Generosa (PA) hanno sottoscritto un accordo per lavorare insieme nella gestione dei progetti di cooperazione

BROCHURE INIZIATIVE

BROCHURE 2016 in Pdf

 

Dal 17 al 30 settembre sarà ospite di Recosol Hamani Abdou, sindaco di Hamdallaye: una città ai confini del deserto.

Pdf Niger

 

 

 Avviso per la selezione di Mediatori Culturali

Allegato in Word

<< Altre BROCHURE >>

Presentazioni

 

Breve presentazione
Brief presentation
Courte présentation

Rete

Fanno parte di RE.CO.SOL
258 comunità e 4 MILIONI abitanti


Ultime comunità aggregate: