Recosol

Adesione alla rete dei Comuni Solidali

Allegati:
Scarica questo file (delibera_adesione 2017.pdf)Delibera 2017[ ]

La delibera può essere sia di Giunta che di Consiglio

A relazione del Sindaco, dell'Assessore ecc

Premesso che negli ultimi anno sempre più comuni si sono trovati a ragionare sui temi della pace e della solidarietà cercando di dare risposte concrete alle domande a alle nuove sensibilità che si stanno formando tra i cittadini
Che i vertici mondiali negli anni 90 per la prima volta si sono trovati d'accordo sulla necessità di garantire la soddisfazione dei bisogni primari dell'uomo in modo equilibrato e sostenibile, traducendo questa necessità in una dichiarazione di intenti e programma d'azione che in tutto il mondo è conosciuta come "carta di Copenaghen" (marzo 1995)
Che oggi in tutto il mondo si riconosce che non è abbastanza "umano" uno sviluppo che si accompagna con guerre, violenze, corruzione, criminalità, mancato rispetto dei diritti elementari, degrado ambientale, esclusione dei più deboli, povertà, migrazioni forzate, e squilibri di ogni genere; tutti fatti che al di là dei giudizi etici o politici, impediscono di utilizzare adeguatamente le risorse naturali ed umane per dare risposte soddisfacenti ai bisogni dei singoli e delle popolazioni
Rilevato che per la loro organizzazione i comuni in tutto il mondo rimangono un punto fondamentale dal quale partire per la quotidiana affermazione della democrazia; il comune in qualunque paese del nord o del sud del mondo, rimane una base importante , concreta e spesso l'unica in grado di dare risposte ai piccoli e grandi problemi dei suoi cittadini
Considerato che fino ad oggi i comuni hanno cercato di dare risposta alle richieste della gente in modo autonomo il più delle volte disarticolato seguendo la moda o le richieste estemporanee che di volta in volta gi venivano rivolte senza una logica organizzativa né un progetto ben preciso
Che proprio da questa considerazione nasce l'idea di proporre la realizzazione di una rete tra i comuni del nord e del sud del mondo, tra comuni ricchi e comuni poveri, una rete a cui potrebbero partecipare tutti gli enti pubblici che agiscono sul territorio a diretto contatto con la popolazione ( comuni, università provincia, musei)
Che la creazione di una rete tra i comuni potrebbe permettere:
· Contatti diretti con le popolazioni dei paesi in via di sviluppo
· Coinvolgimento con le associazioni presenti sul territorio
· Massima informazione e sensibilizzazione dei cittadini
· Massima trasparenza
Ritengo quindi indispensabile la realizzazione di una rete di enti che pongano nel loro modo di pensare ed agire l'attenzione al più debole e la volontà di collaborare per la realizzazione di un mondo più giusto, con la voglia di aiutare gli altri ma nell'atteggiamento di chi è pronto anche a ricevere
Dato atto che l'adesione della rete dal punto di vista economico è puramente simbolica
50,00 euro per i comuni con meno di 5000 abitanti
100,00 euro per i comuni più grandi
300,00 euro per le Province
mentre non è vincolante dal punto di vista morale, l'impegno di destinare una
parte del nostro bilancio ad iniziative di solidarietà internazionale
lasciando al nostro ente la massima autonomia di decidere gli interventi
Ritenuto ancora che il comune debba trasformarsi anche in un laboratorio di cultura di pace e solidarietà, essi devono sorpassare la corazza delle sovranità statali per restaurare la solidarietà in una dimensione planetaria. I comuni tutti insieme sono chiamati a questa pacifica rivoluzione

IL CONSIGLIO COMUNALE o la Giunta Comunale…

Considerato che le operazioni umanitarie implicano una sempre più vasta componente di volontari civili che svolgano attività di assistenza umanitaria, di monitoraggio dei diritti dell'uomo, di interventi di solidarietà internazionale, e che questi gruppi trovano la possibilità di collaborare soprattutto attraverso la propria amministrazione comunale cosi come ricordato dalla L:R.n 48 del 03/04/1995 "valorizzazione e promozione dell'associazionismo
Considerato che con la legge n 49 del 26/2/1987 "nuova disciplina della cooperazione dell'Italia con i paesi in via di sviluppo" sono state indicate alcune linee di azione del nostro paese, che per essere completamente attuate devono trovare a livello locale interlocutori e sostegno
Rilevato che l'art 19 del DL n 8 del 18/01/1993 convertito in legge n 68 del 09/03/1993 prevede che i comuni e le province possano destinare un importo no superiore allo 0.80 per cento della somma dei primi tre titoli delle entrate correnti del proprio bilancio di previsione, per sostenere programmi di cooperazione allo sviluppo e interventi di solidarietà
Rilevato che la spesa minima per l'adesione alla rete potrà trovare capienza al cap ------------------------------ del bilanci corrente e dei bilanci futuri
Ritenuto di dover procedere all'adesione alla rete dei comuni solidali assumendosi altre all'onere economico anche l'onere morale di operare affinché la pace e la solidarietà siano alla base dell'azione di governo cittadino
Preso atto che il responsabile del servizio ______________________________________
Dopo gli interventi ______________________________________________
Con voti

DELIBERA

1. di approvare per le motivazioni indicate in premessa l'adesione del comune di _______________-alla rete dei comuni solidali riconoscendosi nelle finalità e negli impegni richiesti
2. di dare atto che la spesa necessaria per l'adesione alla rete di euro _____ potrà trovare capienza al cap ______________-- _____________ del bilancio  e dei bilanci futuri

Ultima notizia

calendario reciosol

 

Scarica questo file (calendario reciosol.pdf) Calendario 2018

 

Recosol conferma il suo impegno e sostegno per i progetti di Accoglienza Richiedenti Asilo, per tutti i Comuni e le Comunità che si adoperano in tal senso. Riace eletto a simbolo in questo passaggio epocale e a volte faticoso.

"Riace è patrimonio di tutti” questo è stato l’appello lanciato ad agosto e ripreso da quelli che hanno sottoscritto. Riace si conferma “casa di tutti”, tutti quegli uomini e donne che vogliono investire su un sogno, in un momento di grandi trasformazioni. Un progetto capace, nella sua complessità, di tentare di dare risposte con una accoglienza degna e giusta ai tanti richiedenti asilo costretti a lasciare la propria terra spesso senza speranza.

Dopo un viaggio fatto in Etiopia, il sindaco di Riace, Domenico Lucano, propone la raccolta fondi per la realizzazione di un progetto che possa aiutare questo Paese. L’Etiopia è uno dei paesi più poveri al mondo aggravato da continue carestie, con grandi problemi sanitari, tra questi, la malnutrizione cronica dei bambini.

Recosol accoglie dunque la proposta e si attiva per un progetto in Etiopia insieme ai missionari Comboniani presenti da molti anni in quel Paese.

Se vuoi contribuire anche tu e avere i calendari di Riace basta un'offerta minima di €10 caduno, spese postali comprese.

Prenotazioni con versamento C7C Banca Etica IT92R0501801000000000179515

entro il 15 dicembre, causale: calendario Riace

 

Io sto con Riace appello di agosto

"Riace è patrimonio di tutti”- questo è stato l’appello lanciato ad agosto e ripreso da quelli che hanno sottoscritto.

Sarebbe un errore addebitare alla sola raccolta firme il risultato positivo che vede il proseguimento del progetto. C’è stata anche la buona volontà da parte delle istituzioni che hanno saputo riconoscere in questa particolare esperienza un modello ancora in grado di dare speranza e di essere un progetto pilota con tutte le sue sfaccettature, non sempre allineato ai protocolli burocratici. Bisogna avere coraggio e generosità per intrapprendere strade nuove. La cittadinanza attiva resta comunque un valore prezioso e indispensabile per sensibilizzare le istituzioni che altrimenti resterebbero arroccate nelle stanze del potere.

"Non c’è nulla che sia ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali". (Lettera a una professoressa- don Lorenzo Milani).

"E se vale la pena rischiare io mi gioco anche l'ultimo frammento di cuore". (Ernesto Che Guevara)

 

Gruppo di coordinamento Re.Co.Sol


riacee

 

Ultima notizia

Notizie da Riace (RC)

 Beppe-Fiorello-Film-Riace-1

 

Riace e la storia di Mimmo Lucano, sindaco che ha accolto i migranti creando un’opportunità di crescita per Riace, paese calabrese che rischiava lo spopolamento, sarà la nuova fiction di Rai Uno. Il nuovo progetto è stato presentato da Tinni Andreatta, direttrice di Rai Fiction a Dogliani durante il Festival della Tv e dei Nuovi Media. Beppe Fiorello vestirà i panni del sindaco. La fiction sarà prodotta da Picomedia srl. La sceneggiatura liberamente tratta dal libro “Riace Terra di accoglienza” di Chiara Sasso ed Gruppo Abele, a cura di Fabio Bonifacci e Beppe Fiorello, la regia di Giulio Manfredonia

 

 

 c

 


 

Video Riace abre la puerta:

 
LIBRI SU RIACE:
 
 
 

ISA-Riace-10H0282

 

VUOI CONTRIBUIRE ALLE INIZIATIVE DI RECOSOL?

 Versa il tuo contributo su CR Bra sede Carmagnola  

IBAN: IT29X0609530260000070105627



- Se vuoi detrarre fiscalmente il tuo contributo utilizza il seguente IBAN:
IT43Z0897643530000000003246

Anthropos Onlus


- Compila questo modulo per dirci a quale progetto vuoi destinare il tuo versamento e mandalo a :


coordinamento@comunisolidali.org


- Se vuoi destinarci il 5 per mille riporta nella tua dichiarazione dei redditi il Codice Fiscale di Anthropos Onlus :
95003490828
Sottoscrivere il 5 per mille non aumenta le tasse, ma permette di destinarne una parte a chi decide il contribuente

* RECOSOL e Anthropos Onlus di Polizzi Generosa (PA) hanno sottoscritto un accordo per lavorare insieme nella gestione dei progetti di cooperazione

BROCHURE INIZIATIVE

BROCHURE 2016 in Pdf

 

Dal 17 al 30 settembre sarà ospite di Recosol Hamani Abdou, sindaco di Hamdallaye: una città ai confini del deserto.

Pdf Niger

 

 

 Avviso per la selezione di Mediatori Culturali

Allegato in Word

<< Altre BROCHURE >>

Presentazioni

 

Breve presentazione
Brief presentation
Courte présentation

Rete

Fanno parte di RE.CO.SOL
258 comunità e 4 MILIONI abitanti


Ultime comunità aggregate: